Sabato, 20 Luglio, 2019

Trump umiliato dal padre di un caduto in Iraq

Donald Trump dietro il ciuffo
il rancore Donald Trump
Evangelisti Maggiorino | 12 Agosto, 2016, 04:08

Così in un tweet Donald Trump si difende nella bufera sollevata per i suoi attacchi a Khizr Khan, padre del soldato musulmano morto in guerra per l'America, intervenuto alla convention di Filadelfia contro le dichiarazioni del tycoon contro i musulmani.

La domanda che i media americani si stanno già ponendo è se questa polemica possa davvero influenzare negativamente la campagna elettorale di un personaggio finora apparso immune da qualsiasi rischio, a prescindere da quanto detto o fatto, anzi favorito dalle risse verbali a cui ha preso parte in questi mesi senza mai tirarsi indietro. "E' Hillary che ha votato perla guerra in Iraq, non io!". L'insinuazione che la madre del Capitano Khan sia rimasta in silenzio alla Convention Democratica perchè non autorizzata a parlare, è stata oggetto di una protesta davanti alla Trump Tower di New York.

Il candidato repubblicano alla Casa Bianca Donald Trump ha attaccato la famiglia del militare americano di fede islamica caduto in Iraq dopo che il padre del ragazzo Khizr Khan aveva accusato Trump di non aver fatto nulla per difendere gli Stati Uniti e la Costituzione: "Mi sarebbe piaciuto sentire anche la moglie parlare abbiamo visto la moglie che stava lì senza dire nulla, probabilmente non le è stato permesso". "Non sono d'accordo. Mi auguro che gli americani capiscano che i commenti di Trump non rappresentano le posizioni del partito repubblicano" afferma il senatore John McCain. A difesa delle famiglia Khan si sono schierati esponenti di primo piano del partito come il presidente della Camera Paul Ryan e il capogruppo al Senato Mitch McConnell. Questa è la mia risposta a Donald Trump: senza dire niente, tutto il mondo, tutta l'America, ha provato il mio dolore. "Ma sono parole che suonano false, a causa delle sue scelte politiche, a causa della sua retorica basata sull'odio, sulla derisione e sul tentativo di dividere gli americani". "Più apre la bocca, più gli elettori hanno opportunità di capire quello che succede". Quella di non sapere riconoscere nei suoi modi e nei suoi annunci anticonvenzionali, violenti, calunniosi, sprezzanti, minacciosi, irrispettosi, un elemento centrale del consenso che ha ricevuto finora: e di giudicarli col metro dei suoi critici e di un pensiero moderato, rispettoso, e tradizionale, che è esattamente quello contro il quale Trump ha costruito il suo successo finora. "Forse non le era consentito di dire nulla". Per la CNN, i repubblicani dovranno decidere se continuare a sostenerlo. Quando invece il furore retorico si scontra con la vita e il dolore veri, anche Trump appare drammaticamente falso e fuori tono. Il loro nome è Khan, e non sono terroristi.

Altre Notizie