Giovedi, 13 Dicembre, 2018

Crocetta: "Finita l'emergenza rifiuti in Sicilia". Ma non sembra

Immagine articolo Castelvetrano Crocetta: "Finita l'emergenza rifiuti in Sicilia". Ma non sembra
Evangelisti Maggiorino | 09 Agosto, 2016, 20:14

"L'audizione del presidente della Regione Sicilia, Rosario Crocetta, in Commissione Antimafia oggi al Senato, e le ultime decisioni del governo regionale, che consentono ai Comuni di conferire i rifiuti nelle discariche pubbliche senza alcun limite nel periodo estivo, mostrano tutta l'incompetenza e la mancanza di pianificazione strategica della giunta regionale". In troppi hanno parlato a sproposito - sottolinea il presidente -, con strane teorie, 'portiamo i rifiuti altrove' e io che ho detto a tutti, fin dall'inizio, che il trasferimento altrove sarebbe stato molto piu' difficile della risoluzione in loco del problema. Trovo immorale, salvo in caso di emergenza, che noi scarichiamo su altre regioni i nostri problemi. "I comuni - continua il presidente - possono concordare direttamente con le discariche i quantitativi giornalieri e, nel caso di arretrato giacente per le vie cittadine, possono fare i piani straordinari di conferimento".

Per lui era scarsa solidarietà sottrarre il territorio trapanese al vergognoso stato di degrado diffuso sull'intero territorio siciliano. Rifiuti abbandonati quotidianamente da cittadini senza senso civico, ma anche rifiuti abbandonati da anni che nessuno - dall'assessore sino al sindaco per arrivare al governatore - si prende la responsabilità di rimuovere.

"È il caso di Misterbianco e Motta Sant'Anastasia - ha denunciato Francesco Campanella -, dove si trova la discarica di Valanghe d'Inverno che continua a restare aperta in virtù di continue proroghe con ordinanze urgenti".

Sarà per questo che Crocetta invita i cittadini a "collaborare con i sindaci per la differenziata, non devono scaricare i rifiuti dappertutto, devono depositare i rifiuti negli orari previsti".

Altre Notizie