Martedì, 20 Novembre, 2018

Carcere per i genitori che impongono dieta vegana ai figli

Carcere per i genitori che impongono dieta vegana ai figli Carcere per i genitori che impongono dieta vegana ai figli
Machelli Zaccheo | 08 Agosto, 2016, 19:47

Il veganismo è un movimento filosofico basato su uno stile di vita fondato sul rifiuto - nei limiti del possibile e praticabile - di ogni forma di sfruttamento degli animali (per alimentazione, abbigliamento, spettacolo e ogni altro scopo).Le diete vegane sono dei modelli nutrizionali vegetariani che escludono dall'alimentazione la carne di qualsiasi animale e tutti i prodotti di origine animale. Diete vegetariane molto restrittive (vegana, macrobiotica, fruttariana) o improvvisate e non bilanciate espongono al rischio di carenze importanti, soprattutto nei bambini, che possono andare incontro a carenze di ferro, zinco, calcio e vitamine del gruppo B (specialmente B12), a causa del contenuto scarso o poco disponibile di questi nutrienti nei vegetali. L'obiettivo? Impedire ai genitori "vegani estremisti" di imporre ai figli un'alimentazione priva degli elementi nutritivi essenziali per lo sviluppo. "Il problema sorge, tuttavia, quando a essere coinvolti sono i minori".

La proposta di legge della deputata di Forza Italia, è stata già definita la legge choc.

Ovvio quindi che la proposta di legge della deputata FI Elvira Savino non sia arrivata inattesa: commette reato chiunque "impone o adotta nei confronti di un minore di 16 anni, sottoposto alla sua responsabilità genitoriale o a lui affidato per ragione di educazione, istruzione, cura, una dieta alimentare priva di elementi essenziali per la crescita sana ed equilibrata del minore stesso".

Citando anche i principi della Costituzione, Savino spiega infine che la sua proposta di legge ha il fine di "stigmatizzare definitivamente le condotte alimentari incaute e pericolose imposte dai genitori, o da chi ne eserciti le funzioni, a danno dei minori di età".

Eppure, dopo i frequenti episodi di minori, soprattutto in tenerissima età, finiti all'ospedale con danni neurologici causati dalla dieta vegana imposta loro dai genitori, era chiaro che l'adozione di qualche provvedimento s'imponeva. La pena aumenta da due anni a quattro se al minore viene diagnosticata una malattia o lesione permanente, mentre se sopraggiunge la morte, la pena varia da quattro a sei anni di reclusione.

Ogni genitore dovrebbe essere orientato ad assicurare la salute per i propri figli. Colui che ad una convention nel 2005 la fulminò e la portò sulla retta via visto che a 18 anni si era candidata nelle fila di Rifondazione Comunista alle comunali ("Ma era per fare un favore ad un amico", ha precisato lei).

Se mai la legge dovesse arrivare all'approvazione, chi trasgredisce rischierà una pena fino a un anno di reclusione. Le pene vengono aumentate di dodici mesi "qualora le condotte ivi sanzionate siano adottate nei confronti di minori di anni tre".

Altre Notizie