Martedì, 25 Giugno, 2019

TIM e Wind multate dall'Antitrust per pratiche commerciali scorrette

TIM e Wind multate dall'Antitrust per pratiche commerciali scorrette TIM e Wind multate dall'Antitrust per pratiche commerciali scorrette
Acerboni Ferdinando | 08 Agosto, 2016, 07:36

La motivazione addotta al provvedimento rientra nell'utilizzo di pratiche commerciali scorrette in occasione della riduzione del periodo di rinnovo delle offerte di telefonia mobile, sottoscritte dai clienti, da 30 a 28 giorni. In risposta a ciò, l'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha disposto alcuni provvedimenti disciplinari che si sono susseguiti in questi mesi proprio a causa delle segnalazioni e del comportamento scorretto tenuto dagli operatori di rete mobile.

TIM (Telecom) e Wind sono state multate dall'Antitrust con sanzioni piuttosto pesanti.

L'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha sanzionato le due compagnie telefoniche italiane dopo aver "accertato la scorrettezza della condotta delle due società" per aver "modificato il periodo di rinnovo".

TIM inoltre ha fatto pagare anche il passaggio verso altri operatori, mentre Wind ha previsto la modifica del periodo di rinnovo per le offerte rispetto alle quali era stato applicato uno sconto sul costo di attivazione, e si era dunque richiesto un recupero di quest'ultimo. In poche parole, secondo l'Antitrust il passaggio da 30 a 28 giorni risulterebbe sconveniente per tutti i clienti che non hanno intenzione di accettare questa modifica del piano telefonico. Sulla base del Codice del Consumo "le pratiche sono state quindi ritenute aggressive in quanto idonee a limitare la libertà di scelta del consumatore e il conseguente esercizio del diritto di recesso, riconosciuto dalle norme di settore proprio quale tutela a fronte di una variazione contrattuale imposta dall'altro contraente". La modifica era stata tuttavia realizzata in un contesto di mercato e tempistiche che, complessivamente, hanno contribuito ad incidere sulla decisione dei clienti a riguardo all'esercizio o meno del recesso.

Altre Notizie