Martedì, 12 Novembre, 2019

Microsoft licenzia altri 2.850 dipendenti

Microsoft licenzia altri 2.850 dipendenti Microsoft licenzia altri 2.850 dipendenti
Acerboni Ferdinando | 29 Luglio, 2016, 18:32

Domani, 29 luglio, terminerà il periodo di validità dell'offerta con la quale Microsoft offre la possibilità agli utenti Windows 8/8.1 e 7 di effettuare l'aggiornamento gratuito a Windows 10.

Dopo gli oltre 1800 licenziamenti di fine maggio, Microsoft ha purtroppo mandato a casa altri 2850 dipendenti del team Windows Phone.

Si tratta di due giudizi distinti, come riporta il Seattle Times, uno attivato negli Stati Uniti e uno nello Stato di Israele.

Microsoft, tramite un post sul proprio forum di supporto, segnala ora che i dispositivi Insider che hanno installato Windows 10 Mobile ma che non sono ufficialmente supportati, non riceveranno nuove build e che in caso tornassero a Windows Phone 8.1 tramite Windows Device Recovery Tool non avranno più la possibilità di installare la nuova versione. Secondo i ricorrenti, Microsoft avrebbe inoltre violato la normativa della FTC (Federal Trade Commission) sulle pratiche ingannevoli e sleali. In tale procedura, che potrebbe trasformarsi in una vera e propria class action, oggetto del contendere è l'installazione di Windows 10 senza il consenso dell'utente, in violazione della normativa israeliana che regola il settore informatico.

La mossa è legata alle difficoltà del settore della telefonia mobile di Microsoft con le vendite che non sono mai riuscite a decollare veramente.

Dal canto suo, l'azienda di Satya Nadella ha fatto sapere che entrambe le cause sarebbero infondate e, da questo punto di vista, ha ribadito come abbia la certezza di riuscire a dimostrare le ragioni della sua politica relativa all'aggiornamento dell'OS.

Altre Notizie