Venerdì, 19 Luglio, 2019

(VIDEO) Golpe in Turchia: le immagini della presa delle tv

Esposti Saturniano | 18 Luglio, 2016, 12:26

Anche se il sultano è riuscito a risalire sul suo trono, non è detto che Erdogan sia necessariamente più forte di prima. Sotto il controllo un "Consiglio di Pace" per la sicurezza della popolazione. Ma il numero delle persone incarcerate è destinato a salire rapidamente.

Questo quadro di diffidenza generale viene ulteriormente aggravato dai dissidi interni che, come ha dimostrato il tentativo di golpe, seppur fallito, di questa notte, sono sempre presenti.

AGGIORNAMENTO 10.15: Confermata l'uccisione del generale golpista. Solo dai rapporti che si stabiliranno con le altre potenze accusate di aver fomentato il golpe si capirà il futuro orientamento della politica turca. Ma sono numeri destinati a crescere nelle prossime ore.

Nella notte i golpisti si ritirano. Gli scontri sono violenti.

Ma non è tutto: il massimo organismo turco di controllo dei magistrati e procuratori hasollevato dall'incarico 2.745 giudici in tutto il Paese.

AGGIORNAMENTO 00.55: Due partiti di opposizione hanno condannato il golpe.

Altro elemento di valutazione è la 'reticenza' delle cancellerie internazionali nel prendere immediatamente posizione contro il colpo di stato.

AGGIORNAMENTO 00.52: A causa degli scontri al ponte sul Bosforo ci sarebbero almeno tre feriti. È la Grecia, dove atterrano, a bordo di un elicottero Blackhawck sette ufficiali dell'esercito e un civile, chiedendo asilo politico. I maggiori leader mondiali hanno espresso una solidarietà tiepida e di circostanza al Presidente, limitandosi a richiamare rispetto del voto democratico che lo ha portato al potere.

AGGIORNAMENTO 00.20: Alcuni cittadini sembrano rispondere all'appello di Erdogan. Il rischio peggiore è lo scenario da guerra civile. Nel frattempo, diversi colpi di arma da fuoco sono stati sentiti in città mentre alcuni carri armati entravano a Ankara e degli F16 sorvolavano la città a bassa quota. Suonano come le classiche parole di rito che usano in queste occasioni, ma al momento appare come un uomo privo di potere. Secondo quanto riportato dalla 'Cnn' turca, Erdogan è al sicuro. Ultime in ordine di tempo le manifestazioni di piazza Taksim, del maggio 2014, in cui i turchi scesero i piazza per protestare proprio contro Erdogan, e che furono brutalmente sedate con cannoni ad acqua, lacrimogeni e proiettili di gomma sparati sui dimostranti dalla polizia. Il presidente pare intenzionato a lasciare il paese.

AGGIORNAMENTO 23.20: L'esercito proclama legge marziale e coprifuoco in tutto il paese.

Ieri sera la Turchia è stata protagonista di un colpo di stato da parte dell'esercito turco. E questo tentativo insurrezionale sarà occasione per nuove repressioni: il governo ha già promesso "punizioni" e valuterà il ripristino della pena di morte. Questo suo gioco, però, è costato al Presidente la perdita della fiducia da parte dei suoi alleati, Usa in primis, che adesso non si fidano più di lui. Nei giorni scorsi i media avevano già fatto notare una prolungata e sospettosa assenza del presidente Ergogan. È stata interrotta la fornitura di corrente elettrica: "per favore, evitare la base aerea fino a che non riprenderanno le normali operazioni".

Altre Notizie