Domenica, 24 Marzo, 2019

Attentato a Dacca, Claudia D'Antona è la vittima di Torino

Forze di polizia all'esterno del locale di Dacca Bangladesh Forze di polizia all'esterno del locale di Dacca Bangladesh
Evangelisti Maggiorino | 04 Luglio, 2016, 08:15

C'era anche il noto imprenditore tessile modenese Gian Galeazzo Boschetti, tra gli italiani scampati all'attacco terroristico nel ristorante di Dacca, in Bangladesh.

In quei primi minuti interminabili, Gian Galeazzo Boschetti - discendente dei conti di San Cesario sul Panaro, famiglia nobile cinquecentesca del Modenese - ha provato a dare l'allarme col suo telefonino. Erano a cena insieme quando gli uomini armati hanno fatto irruzione nel locale: Boschetti è riuscito ad allontanarsi in tempo, ma purtroppo Claudia non è riuscita a seguirlo ed è stata ferocemente uccisa. Il loro padre era insegnante di educazione fisica al liceo scientifico Margara di via delle Rosine.Claudia aveva prestato servizio volontario come paramedico della Croce Verde dal 1978 al 1985. Cosi' Patrizia D'Antona, sorella di Claudia Maria, all'ANSA. Poi aveva deciso di andare a vivere in Asia, prima10-15 anni in India, a nuova Delhi dove aveva conosciuto Boschetti che aveva sposato soltanto due anni fa. Mia sorella e Gianni si erano sposati proprio a Dacca: una bella cerimonia a cui siamo andati con i nostri parenti austriaci. "Finanziavano un'associazione che porta esperti di chirurgia plastica in Bangladesh per curare le donne sfregiate con l'acido". Ha inviato un messaggino anche a Tiziana, la moglie di Roberto Bosco, che da Novara seguiva il telegiornale sempre più preoccupata dal silenzio di suo marito.

Torino si prepara ad un'altra giornata di lutto cittadino per una vittima caduta per mano dei terroristi, Claudia D'Antona, l'imprenditrice di 56 anni uccisa nell'attacco di Dacca.

L'addio a Claudia D'Antona sarà invece dato, in forma privata, nella parrocchia di Gesù Nazareno, in piazza Benefica, dove la donna era stata per tanti anni scout.

Altre Notizie