Вторник, 12 Декабря, 2017

Google si fa medico, da ricerca sintomi a possibili diagnosi

La ricerca dei sintomi su Google La ricerca dei sintomi su Google
Machelli Zaccheo | 22 Июня, 2016, 11:42

È probabilmente capitato a tutti: vi siete svegliati con un leggero malessere, apparentemente niente di preoccupante, e volete sapere cosa avete senza sopportare attese interminabili dal vostro medico di fiducia.

Google ha notato il problema e, dato che oltre l'1% delle ricerche globali online sono relative a sintomi e malattie comuni, ha pensato di creare delle schede apposite che ci illustreranno i vari tipi di dolori simili a quello cercato, come curarsi e se considerare l'eventualità di chiamare un dottore. Google 'medico', invece, offre risposte immediate su possibili diagnosi a titolo informativo. E da chi passa gran parte di queste ricerche?

Google ci tiene a sottolineare che in nessun caso queste indicazioni sostituiscono il consulto medico, ma vogliono solo essere informazioni generiche per aiutare gli utenti a capire dai sintomi le possibili soluzioni e il tipo di trattamento da utilizzare. Da Google, ovviamente, il motore che nel settore "search" detiene circa il 90% del mercato europeo.

Finora, infatti, cercando sintomi sul motore di ricerca si viene diretti verso siti specializzati e per trovare l'informazione che si cerca è talvolta necessario leggere pagine e pagine.

Per sviluppare la nuova funzionalità Google ha raggruppato un elenco di sintomi presenti nei risultati di ricerca più popolari, come ad esempio "mal di testa su un solo lato", "mal di schiena" o "livido intorno all'occhio", per poi associarli alle informazioni mediche che già possiede all'interno del suo database Knowledge Graph. Per il nuovo servizio Google ha lavorato con una squadra di medici per rivedere le informazioni sui singoli sintomi e per delineare le possibili diagnosi. Gli esperti della Harvard Medical School e Mayo Clinic, inoltre, hanno supervisionato il lavoro svolto al fine di migliorare i risultati che mostriamo a tutti gli utenti.

Nel caso del primo è possibile grazie all'applicazione dell'Intelligenza Artificiale alle ricerche effettuate attraverso Google (sia su desktop che su mobile), che riconosce il sintomo anche se scriviamo cose del tipo "Ho un mal di testa pulsante su di un solo lato della testa". La funzionalità di ricerca tramite sintomi è ora in fase di roll-out negli Stati Uniti, ed arriverà anche da noi nel corso dei prossimi mesi. Pare proprio che io sia incinto.

Altre Notizie