Вторник, 12 Декабря, 2017

Raggi, la Serracchiani attacca: "Ha detto il falso, si conferma bugiarda"

Raggi scoperti incarichi dell'Asl di Civitavecchia nel 2012 e 2014 Raggi, la Serracchiani attacca: "Ha detto il falso, si conferma bugiarda"
Machelli Zaccheo | 21 Июня, 2016, 07:55

"Il secondo - si legge sul quotidiano nazionale - incarico è stato affidato nonostante ci fosse un regolamento che imponeva di scegliere professionisti iscritti all'albo creato dall 'Asl nel novembre 2012: Raggi non ne faceva parte ma il direttore generale Giuseppe Quintavalle sostiene che conosceva il "delicato" caso in virtù del precedente incarico". "Ma di sicuro è un mio dovere verificare che queste scelte avvengano nel pieno rispetto dei criteri di legittimità e opportunità". Doveva essere, per legge, il giorno del silenzio elettorale: ma nessuno lo ha rispettato. E mai come oggi la locuzione può servire a raccontare il clima che si respira nella Capitale alla vigilia del ballottaggio tra i candidati sindaco Virginia Raggi (M5s) e Roberto Giachetti (Pd).

Anche la senatrice del Pd Giuseppina Maturani ha commentato le dichiarazioni della candidata del M5S a Roma Virginia Raggi "E' inaccettabile che Virginia Raggi continui a non rispondere delle sue responsabilità".

"Ridicolo Zingaretti: chiede ad Asl una relazione su miniconsulenza di Raggi, piegando la regione all'interesse elettorale del suo partito", è il tweet di Francesco Storace, vicepresidente del Consiglio regionale del Lazio. Ho già chiarito tutto, è tutto dichiarato: "non c'è nulla di irregolare", aggiunge.

Il presidente del Pd Matteo Orfini su Twitter scrive: "Se quello che scrive il Fatto è vero quella della Raggi non è una dimenticanza, è un reato". E' vero che nel 2013 e nel 2014 la dichiarazione non arriva, ma la Raggi la dichiarerà l'anno successivo, quello in cui ha incassato il pagamento della fattura. "L'incarico era fiduciario. Il mio mandato era quello di mettere in esecuzione una sentenza della Corte dei conti per far recuperare soldi alla Asl che era stata sostanzialmente truffata". Nemmeno il tempo che la notizia si diffonda che dalla procura arriva però la smentita: nessun fascicolo è stato aperto sul caso delle consulenze del candidato sindaco Virginia Raggi, riporta un lancio dell'agenzia Ansa nel tardo pomeriggio, sottolineando come da fonti della procura non risulti allo stato nessun esposto all'attenzione dei magistrati. "L'amnesia di Virginia Raggi sugli incarichi ricevuti dalla Asl di Civitavecchia rischia di renderla ineleggibile?" si chiede Ernesto Carbone.

Anche Alessia Morani, vice capogruppo Pd alla Camera, si interroga sui "buchi nella sua memoria". In passato Raggi era già stata accusata di mancanza di trasparenza, per non aver segnalato nel suo curriculum un periodo di lavoro nello studio dell'avvocato Cesare Previti, ex legale di Silvio Berlusconi condannato due volte per corruzione. "Per colpa o per dolo siamo davanti all'ipotesi di reato continuato di falso ideologico in atto pubblico". La replica della Raggi non si è fatta attendere: "Questa è l'ultima goccia di fango prima del ballottaggio". Da consigliere, Raggi era infatti tenuta a dichiarare annualmente la situazione patrimoniale e professionale. "Ma solo nel 2015, dopo che è scoppiata Mafia Capitale e dopo che io iniziai a verificare le autocertificazioni".

Altre Notizie