Martedì, 14 Agosto, 2018

Renzi: "Abbiamo perso, ma non mi dimetto da niente"

Renzi: Renzi: "Abbiamo perso, ma non mi dimetto da niente"
Acerboni Ferdinando | 21 Giugno, 2016, 05:43

Trionfo pieno e completo ai ballottaggi per il Movimento Cinque Stelle, che per la prima volta conquista due metropoli: Roma e Torino. In lizza per il Movimento 5 Stelle che ha stravinto in tutta la Penisola, la Raggi ha ottenuto oltre il 65% dei voti, quasi il doppio rispetto all'avversario del Pd. De Magistris, invece, si è riconfermato sindaco di Napoli e a Benevento l'ha spuntata Mastella con il centrodestra; ai ballottaggi, c'è da aggiungere, ha votato però solo la metà degli aventi diritto (il 50% contro il 59% del primo turno). Pallotta ha voluto esprimere le sue felicitazioni in vista anche di quelli che saranno i prossimi incontri quando il patron rientrerà a Roma dall'America sulle possibilità di costruire uno stadio di proprietà per il club giallorosso.

Non sappiamo se le scelte stilistiche di Virginia Raggi derivino semplicemente da un gusto estetico poco sviluppato o siano frutto di un attento studio dello staff dellacandidata, con l'obiettivo di farla apparire il più comune possibile. Il nuovo sindaco di Roma ha pertanto aperto pubblicamente al dialogo con gli oppositori, al fine di trovare soluzioni efficaci ai reali problemi della città. "Cercherò di proteggerti il più possibile anche da lontano". Nella politica succede che ci sono delle sconfitte e dalle sconfitte si deve ripartire.

Vittoria rosa e penta-stellata anche a Torino, dove Chiara Appendino ha sconfitto con un buon margine il sindaco uscente Piero Fassino del Pd. "In un momento in cui le pari opportunità sono una chimera, è un cambiamento fondamentale". E si cercherà di compattare il Pd, evitando che prenda largo la frangia del no, di chi vorrebbe che la sinistra interna si smarcasse promuovendo comitati per il no. Pier Luigi Bersani non vuole la rottura ma da domani non farà sconti agli errori del segretario e chiederà una netta correzione di rotta. Nei tre anni all'Opposizione si è occupata soprattutto di questioni relative alla scuola e all'ambiente.

La candidata del Movimento 5 Stelle era la grande favorita della sfida romana. Anche Paolo Romani, capogruppo di Forza Italia per il Senato, ha commentato: "I ballottaggi sono stati un vero disastro per Renzi". No, perché non si sono trasferite nella contesa politica la lealtà, la caparbietà, la competizione dura ma corretta, insomma i valori più alti dello sport. Raggi ha cosi avuto via libera ed è stata in grado di affrontare gli ultimi burrascosi giorni di campagna elettorale, in cui era stata accusata di falso in atto pubblico in una strategia che era apparsa ai più disperata.

Altre Notizie