Giovedi, 20 Giugno, 2019

Studentesse donano capelli alle donne malate di tumore

Altamura studentesse donano i capelli ai malati di tumore Studentesse donano capelli alle donne malate di tumore
Machelli Zaccheo | 02 Mag, 2016, 19:02

Una ventina di ragazze di Altamura (Bari) ha deciso di donare i capelli alle donne malate di tumore e sottoposte a chemioterapia. Come accaduto per l'autorevole esponente del radicalismo liberale italiano tante donne malate di cancro che si sottopongono alla chemio e radioterapia possono perdere i capelli.

"Studentesse, brave ragazze di Altamura". A dispetto di tutte le critiche che vengono fatte agli adolescenti e alla incapacità della scuola di trasmettere loro valori e principi educativi sani, le alunne delle classi II B, II F, III B della scuola media Ottavio Serena Pacelli di Altamura sono rimaste così colpite dall'incontro con le volontarie dell'ospedale che hanno deciso di donare qualcosa di importante, di personale, e di contribuire con il proprio dono al sorriso di chi sta affrontando una guerra terribile. Sul proprio profilo Facebook l'associazione ha ringraziato le allieve: "Un gesto meraviglioso ed ancora più significativo vista la giovanissima età delle ragazze. Brave! Grazie di cuore", il commento della organizzazione "Una stanza per il sorriso".

Prima di dare un taglio netto hanno dovuto aspettare la rievocazione storica di 'Federicus', il corteo in costume medievale che richiede lunghe trecce e capelli raccolti. Per le adolescenti di seconda e terza media, e per la loro professoressa che ha anch'essa partecipato, si tratterà di attendere qualche mese: la chioma ricrescerà.

Oltre al dolore, all'angoscia e alla paura connesse con una diagnosi negativa, il versante femminile dell'universo oncologico è spesso costretto ad affrontare quella triste perdita di capelli dovuta ai trattamenti di tipo chemioterapico che si configura come una temporanea perdita di uno degli attributi estetici più preziosi e come una possibile fonte di insorgenza di stati depressivi. I genitori di queste ragazze hanno davvero di che essere orgogliosi.

Altre Notizie