Mercoledì, 24 Febbraio, 2021

Carife. Ecco il decreto sui rimborsi

Carife. Ecco il decreto sui rimborsi Carife. Ecco il decreto sui rimborsi
Esposti Saturniano | 30 Aprile, 2016, 11:01

Rimangono fuori 158 persone che hanno acquistato sul mercato elettronico secondario a prezzi scontati: "definirli truffati è un po' difficile, però avranno la possibilità se riterranno, con l'arbitrato". Lo ha detto il presidente del consiglio, Matteo Renzi, al termine del consiglio dei ministri parlando degli indennizzi agli obbligazionisti delle 4 banche salvate. "E non vi è stato alcun elemento di favore per i manager o la struttura delle banche che sono state messe in risoluzione".

Via libera del Cdm alle norme bancarie, dai meccanismi per il rimborso degli obbligazionisti subordinati delle 4 banche salvate a novembre alla riduzione dei tempi per il recupero dei crediti da parte degli istituti. E sulle norme approvate oggi per gli indennizzi a chi ha visto azzerare i propri risparmi ribatte: "Non c'è un centesimo speso dai cittadini" per questo intervento, "non c'è un truffato e nessuno che possa dire che non ci sia stata attenzione da parte del governo".

Sulle modalità dei ristori - ha spiegato Renzi - "abbiamo stabilito che ha diritto a un rimborso forfettario automatico fino all'80% dell'investimento in obbligazioni subordinate l'investitore che abbia un reddito lordo al di sotto dei 35mila euro, oppure un patrimonio immobiliare inferiore ai 100mila euro, anche se ha il reddito superiore ai 35mila euro". Al netto delle polemiche e delle strumentalizzazioni, abbiamo fatto un grande servizio per chi si trova in queste condizioni. Il rimborso forfettario degli obbligazionisti delle quattro banche "vale per tutti quelli che hanno acquistato" obbligazioni "entro la data del 12 giugno 2014". Rimangono fuori 158 persone che hanno acquistato sul mercato secondario a prezzi scontati. In ogni caso, ha assicurato, "le risorse per coprire sia i rimborsi automatici sia gli arbitrati non saranno razionate". I consumatori definiscono "inaccettabile" il decreto, perché "aggiunge al grave danno dell'esproprio la ben architettata beffa per 10.000 risparmiatori delle quattro banche (su 130.000 famiglie truffate), ai quali sono stati appioppate obbligazioni subordinate". Questo problema non si porrà - ha aggiunto il ministro - ci saranno soldi per tutti quelli che hanno diritto.

Il decreto legge, oltre al capitolo sui rimborsi, ne comprende altri due: misure a sostegno delle imprese e accelerazione del recupero crediti e altre disposizioni finanziarie sulle Dta (imposte anticipate differite), fondo di solidarietà per la riqualificazione del personale del credito.

CONSUMATORI - Già prima della riunione, conoscendo i contenuti del provvedimento, le Associazioni dei Consumatori avevano proclamato il loro dissenso per un doppio-binario offensivo e discriminatorio per accedere ai rimborsi: automatici per coloro che hanno sottoscritto i bond prima di una certa data, arbitrato necessario per gli altri.

La portata del fondo per i rimborsi, secondo quanto spiegato da Renzi, dipenderà da quanti chiederanno il rimborso automatico e dagli esiti dei processi arbitrali. Il provvedimento garantirà procedure più rapide per i pignoramenti.

Altre Notizie