Sabato, 24 Agosto, 2019

Mattarella, incrementare risorse ricerca

Mattarella, incrementare risorse ricerca Mattarella, incrementare risorse ricerca
Machelli Zaccheo | 28 Aprile, 2016, 01:23

Presenti le più alte cariche istituzionali, autorità accademiche e scientifiche, ricercatori e rappresentanti dei pazienti, del mondo industriale, della finanza.

"I settori della biomedica, della genomica, dell'agrifood, la realtà dei nuovi farmaci immunologici e biologici e tutto quello che ruota su questo settore - ha continuato - lo possiamo fare meglio degli altri, ci manca poco per fare il salto". Infine, verranno presentate le novità contenute nel Bando per la Ricerca Finalizzata Ministero della Salute e nel Bando per la Ricerca indipendente Aifa per il 2016, che destinano alla ricerca 180 milioni di euro, molti dei quali andranno ai giovani. Nell'ambito della sessione "Italia camp: Dispositivi Medici" l'ingegner Fabio Sebastiano presenterà infatti il progetto SPEL, un software dedicato al posizionamento di precisione degli elettrodi nel cervello, procedura che oggi viene usata soprattutto nella terapia del Parkinson. "Questi sono i settori che hanno retto l'urto della crisi economica e sono un capitale che va rilanciato in una grande strategia di sistema". "Per questo deve diventare una delle priorità dell'agenda italiana, anche perché - rileva - è un modo per dare opportunità alle giovani generazioni ed evitare che alcuni tra i migliori siano costretti a costruire altrove il proprio percorso professionale". E' questo l'appello che arriva dal ministro della Salute Beatrice Lorenzin che ha inaugurato oggi a Roma la due giorni degli 'Stati generali della Ricerca Sanitaria', presso l'Auditorium Massimo.

"Abbiamo bisogno, come avviene in tutti i paesi avanzati, di continuare a investire sulla ricerca pura, con una base di investimento pubblico che è assolutamente necessaria per moltiplicare il contesto".

"E' una grande soddisfazione essere parte dell'avanzamento scientifico in medicina del nostro Paese - commenta il professor Luigi Frati, Direttore Scientifico dell'I.R.C.C.S. Neuromed - Il nostro Istituto vuole essere sulla frontiera della ricerca, e portare un esempio del nostro lavoro in un consesso così importante come quello degli Stati Generali della Ricerca Sanitaria conferma la qualità del nostro impegno". "Il nostro paese vanta eccellenze" nel campo della ricerca, scrive il Capo dello Stato nel messaggio inviato all'auditorio Massimo, ma dobbiamo "compiere uno sforzo per incrementare le risorse a disposizione".

Altre Notizie