Domenica, 21 Luglio, 2019

Telecom: Bolloré, se vogliono entrare in tanti significa che è posto giusto

Esposti Saturniano | 22 Aprile, 2016, 20:21

Dall'assemblea degli azionisti di Vivendi, che si è tenuta a Parigi giovedì 21 aprile, emergono ulteriori dettagli sull'approccio del gruppo dei media francese al mercato italiano. Il Paese è stato preso in mano e ha fatto delle riforme: "non ci sono più scioperi ed è un Paese che ha voglia di avanzare". Vivendi ribadisce la scelta di investire a lungo termine in Telecom Italia - "accompagnando la società nei suoi progetti di sviluppo, uno dei quali è la banda ultra larga" - senza il coinvolgimento di Orange: "Facciamo molte cose con loro ma il nostro progetto è al di fuori di qualsiasi aspetto delle relazioni con Orange". Vivendi possiede oltre il 24% di Telecom.

Il braccio destro di Bolloré, Arnaud de Puyfontaine ha espresso soddisfazione per il "partenariato strategico" concluso con Mediaset il cui obiettivo, ha detto, è quello di creare programmi comuni in vista di una piattaforma mondiale over the top in grado di distribuire i contenuti via internet. Vivendi ha gia iniziato discussioni con vari operatori, tra cui il russo VimpelCom (azionista di Wind).

Quanto al fatto che Mediaset Premium sia in perdita a livello di risultato netto, "non darei affatto per scontato che continui a perdere - ha aggiunto de Puyfontaine - Vivendi non ha acquistato Mediaset Premium senza avere la prospettiva di renderla redditizia".

Altre Notizie