Venerdì, 24 Novembre, 2017

Riforma Pensioni, Padoan Apre: ci sono margini per un intervento

Rumori che corrono sulla ripresa economica e sulle pensioni Rumori che corrono sulla ripresa economica e sulle pensioni
Esposti Saturniano | 19 Aprile, 2016, 18:16

In questo clima di fiducia per il futuro Padoan ha poi toccato un argomento che sta molto a cuore alla maggior parte degli italiani, ovvero quello delle pensioni, confidando che lo scenario permette alcune considerazioni atte ad aiutare chi deve iniziare a occuparsi e chi è al termine della propria carriera: "Ci sono margini per ragionare sugli strumenti e sugli incentivi, e sui legami tra sistema pensionistico e mercato del lavoro per migliorare le possibilità". Il rischio principale insito in questa scelta risiede nell'eventualità che le aspettative di ripresa dell'inflazione formulate dal governo possano rivelarsi frustrate, nonostante l'accentuazione delle politiche monetarie espansive decise dalla Bce.

Intenzionati a sterilizzare clausole salvaguardia.

(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Roma, 19 apr - Sul "ruolo del sistema creditizio in relazione alla flessibilita' pensionistica il Def non si addentra, ma ribadisce il concetto che sistema pensionistico e' uno dei pilastri della sostenibilita' del sistema italiano, e questo ci viene riconosciuto dall'Europa".

Il ministro dell'Economia ha annunciato inoltre questa mattina, in audizione sul Def davanti alle commissioni Bilancio riunite di Camera e Senato, la possibile attivazione delle clausole di salvaguardia nel 2017.

Variazione saldo strutturale compatibile con Patto Stabilità Illustrando ai parlamentari i contenuti del Def Padoan ha sottolineato come la prevista variazione del saldo strutturale "costituisce una deviazione, ma non significativa, bensì compatibile con quanto previsto dal braccio preventivo" del Patto di stabilità e crescita. "E' una tassa complicata - ha spiegato - ma sicuramente stiamo considerando questo aspetto". Però non è l'unica ragione per cui il debito scende. Rispetto agli altri Paesi, l'Italia ha continuato "a caratterizzarsi per un andamento meno dinamico". "Le riforme - ha aggiunto - necessitano di tempo per produrre gli effetti attesi". Lo chiede la Corte dei Conti.

Tra gli obiettivi del governo c'è anche il calo del debito. Proprio la difficile situazione economica potrebbe infatti essere l'occasione "per rivedere la struttura impositiva indiretta", perché per ridurre la pressione fiscale, come indicato nel Def, è necessario rivedere in modo "strutturale" l'intero sistema di tassazione.

Altre Notizie