Martedì, 16 Luglio, 2019

Ricreazione "speciale": la prof fa lo spogliarello e rimane in biancheria intima

Studenti italiani Studenti italiani
Machelli Zaccheo | 12 Aprile, 2016, 13:22

Una docente di "trattamento testi " dell'Istituto professionale 'Gramsci Keynes' di Prato, durantela ricreazione, ha improvvisato un balletto con un accenno dispogliarello in cui mostra scherzosamente la biancheria intima.Una studentessa ha ripreso tutto con lo smartphone ed il videoha fatto presto il giro del web.

Giovanni Donzelli, capogruppo Fdi del Consiglio regionale ha chiesto il "licenziamento immediato della insegnante transessuale, ballerina, e protagonista di uno spogliarello in classe".

Scoppia la polemica per un video di venti secondi che immortala una professoressa che improvvisa un balletto sexy e si alza la maglietta mostrando il reggiseno. Filippo Balugani, il rappresentante studentesco che lo ha diffuso, dice di averlo avuto dal fratello, che frequenta la scuola di via di Reggiana, e che sta circolando sulla rete e sui telefoni cellulari di centinaia di studenti pratesi grazie alle condivisioni su Whatsapp.

La preside della scuola, Maria Grazia Tempesti, spiega di aver avviato immediatamente un'azione disciplinare e di aver convocato la professoressa per lunedì, giorno in cui la scuola riaprirà i battenti.

In pochissimo tempo il video è stato condiviso in tantissime pagine Facebook e sono stati postati moltissimi commenti contro la professoressa autrice dello spogliarello.

"Chiediamo a tutti gli organi competenti di intervenire immediatamente per accertare l'esatto svolgimento dei fatti ed adottare le misure che saranno necessarie per evitare il loro ripetersi", sottolinea.

Secondo Azione Giovani, la professoressa sarebbe un transessuale, forse tratti in inganno dalle sue caratteristiche somatiche effettivamente molto mascoline; ad ogni modo la preside, che si è detta molto scossa per l'incresciosa vicenda, non ha voluto dire nulla su particolari riguardanti "la vita privata" della professoressa, "per cui sino ad oggi non erano mai arrivati richiami formali o segnalazioni sul suo comportamento". Fuori campo si sente la voce di una ragazza che mormora: "Non ci posso credere". "L'educazione scolastica è una funzione importantissima e non può finire in mano a personaggi e metodi che niente hanno a che fare con i sistemi di formazione dei giovani - conclude Donzelli - occorre effettuare verifiche costanti che consentano di allontanare chi non è in grado di insegnare".

Altre Notizie