Giovedi, 18 Luglio, 2019

Napoli: tensioni e proteste contro il Governo Renzi

Bagnoli Renzi contro de Magistris Mani sulla città? Doveva metterle lui Napoli: tensioni e proteste contro il Governo Renzi
Evangelisti Maggiorino | 08 Aprile, 2016, 03:57

Anche dai palazzi sono apparsi lenzuoli e tele contro il premier. Contro lo "Sblocca Italia" manifestazione a Bagnoli, e tra i cartelli di protesta spunta il Gonfalone del Comune. Quindi lo slogan "Bagnoli libera da commissari e affaristi" contro il commissariamento dell'ex Italsider voluto dal governo. Spostati e sigillati i cassonetti della nettezza urbana. Il tutto da realizzarsi entro il 2019.

A Napoli era atteso il premier Matteo Renzi per una serie di incontri, il principale dei quali era la "cabina di regìa" per approvare il piano di recupero e bonifica per Bagnoli, nell'area dove nel 1992 si spense l'ultimo altoforno dello stabilimento Ilva.

Cabina di regia per il risanamento e il rilancio dell'area di Bagnoli convocata in prefettura, a Napoli, alle ore 18.00 del 6 aprile. Con buona pace delle polemiche di chi per anni non ha mosso un dito. Ancora pochi mesi - siamo al 7 novembre - e Renzi ha in programma una visita a Napoli. Infine, rivolto a chiunque a giugno sarà sindaco, ha promesso la collaborazione del governo, "sempre che - è la chiosa maliziosa del premier - ci sia reciprocità e voglia di collaborare". Dure sono state le parole del sindaco "Masaniello", che ha definito Renzi non un rottamatore ma un forte saldatore di interessi personali. "Siamo andati a portare la nostra vicinanza alle associazioni, ai comitati studenteschi, alle donne ed agli uomini che oggi in occasione della visita del presidente del Consiglio hanno deciso di esprimere le proprie istanze. A Napoli non ci andiamo a sedere dove accadono cose che nulla hanno a che fare con l'interesse della città", ha aggiunto il sindaco che poi ha sottolineato: "non vogliamo lo scontro con il presidente del Consiglio, ma vogliamo il rispetto della Costituzione Repubblicana".

Un Pinocchio con il simbolo del Pd sul petto apriva il corteo che ha sfilato per le strade dei quartieri piu' centrali della citta'. "Siamo in campagna elettorale e lui è sceso pesantemente in campo".

E conclude: "Da Bagnoli riparte Napoli". Possiamo avere protagonisti come Amazon, Apple, Cisco, Google a scommettere su una 'Valley del Sole', capace di coniugare alta tecnologia e creatività napoletana. "Non c'e' un centimetro cubo in piu'".

Altri articoli che parlano di... "Mai come in questi anni c'è stato qualcuno che ha spinto perché il governo facesse le bonifiche - ha concluso - Non hanno messo in conto però che stiamo resistendo, non consentiremo di mettere le mani sulla città".

Altre Notizie