Lunedi, 17 Giugno, 2019

Tim, raddoppiano costi chiamate da fisso per offerta Voce e Isdn

Tim tariffe alle stelle per telefoni fissi aumenti dal primo aprile Il primo aprile i clienti Tim vedranno raddoppiate le tariffe al consumo
Esposti Saturniano | 01 Marzo, 2016, 11:06

E non stiamo parlando deiclienti Tim che, ancora una volta nell'arco di pochi mesi, subiranno un aumento sulla bolletta del telefono di casa a causa delle continue modifiche unilaterali del proprio contratto.

A partire dal primo aprile per i clienti residenziali di linea fissa Tim il prezzo delle chiamate verso i telefoni fissi e i cellulari nazionali dell'offerta Voce e della linea Isdn varierà da 10 cent a 20 cent al minuto e sarà previsto per ogni chiamata uno scatto alla risposta di 20 cent. Lo si apprende da un avviso pubblicato oggi sui quotidiani.

Da 10 a 20 centesimi al minuto, e torna anche lo scatto alla risposta. Invariato, invece, il canone mensile, che resta a 19 euro, e mantenute anche alcune altre voci come lo sconto del 50% oltre le tre ore di conversazione al mese verso i telefoni fissi nazionali o la tariffazione a scatti anticipati da 60 secondi.

In questo modo, ovvero con l'aumento delle tariffe per i piani tariffari a consumo, la società telefonica punta a rendere ancora meno conveniente questo tipo di abbonamenti con lo scopo di spingere l'utenza ai piani "tutto incluso", sia per quanto riguarda solo voce, che voce e internet.

L'operatore Tim ( ex Telecom Italia) ha deciso di rimodulare il costo delle chiamate a consumo su rete fissa; ecco i dettagli degli aumenti e i piani tariffari che ne saranno interessati. L'azienda, nella sua nota, sottolinea che per tutti i clienti che hanno un'offerta che include linea telefonica, chiamate e/o navigazione Internet in un unico abbonamento (ad esempio TUTTO, TUTTO VOCE, TIM Smart, TIM Smart Fibra, Internet Senza Limiti) oppure coloro che hanno un'offerta aggiuntiva con prezzi specifici verso alcune tipologie di chiamate (per esempio SuperChiamaMobile o Alice Tutto Incluso, etc.), continueranno a valere le condizioni economiche previste dalle relative offerte. Inoltre, ad aggravare la situazione dei clienti Tim, è intervenuto recentemente anche l'aumento del costo per la spedizione della fattura a casa, se non si è scelta la strada della domiciliazione bancaria. Telecom in una nota spiega che, in base al Codice delle Comunicazioni Elettroniche, si ha la possibilità di recedere dal proprio contratto entro e non oltre il 31 marzo 2016, anche passando ad altro operatore.

Altre Notizie