Mercoledì, 20 Novembre, 2019

Scienze politiche, scattano le occupazioni Misure di tutela per Panebianco

Cacciopini Corbiniano | 29 Febbraio, 2016, 15:48

"Gli antagonisti sono entrati in aula durante la lezione di 'Teorie della guerra e della pace' con in mano uno striscione con su scritto 'Fuori i baroni della guerra dall'universita", hanno diffuso in sottofondo rumori di guerra con uno stereo e avrebbero definito il professore un 'assassino'. Così nel frattempo rende noto il Collettivo universitario autonomo (Cua) annunciando una conferenza stampa per le 12 nella vicepresidenza occupata. "Ne abbiamo sentite tante uscire dalle bocche dei vari Renzi, Hollande, Panebianco di turno", si legge in una nota firmata Assemblea di Scienze politiche, gruppo vicino al collettivo Hobo. Si tratta di un'aula studio di Strada Maggiore di cui gli studenti si sono impossessati. "Monologo militarista " è la definizione che il Cua dà della lezione del docente."Se la guerra gli piace tanto, perché non prova a fare lezione sotto i suoni delle bombe, degli spari e dei lamenti?!" chiedono provocatoriamente i contestatori secondo i quali "personaggi come Panebianco continuano gettare benzina sul fuoco per difendere gli interessi neo-imperiali di un occidente che, immerso in una crisi senza vie d'uscita, nella guerra trova nuove occasioni di profitto". "Si parlerà anche di emigrazione e noi vogliamo prendere parola".

Panebianco: "Quanta muffa in quegli slogan".

TUTELA A PANEBIANCO - Intanto il Comitato per l'Ordine e la sicurezza pubblica di Bologna, riunito questa mattina anche con la presenza del rettore dell'Alma Mater, Francesco Ubertini, ha valutato le situazioni concernenti la sicurezza del prof.Angelo Panebianco e per lo svolgimento dell'inaugurazione dell'Anno accademico, lunedì prossimo. "Il tentativo (di far saltare le sue lezioni, ndr) è fallito- sottolinea il politologo- grazie alla ferma e indignata reazione dei miei studenti che erano venuti li' per seguire il corso". Panebianco tiene però a precisare il contenuto del suo intervento sulla Libia che ha scatenato la rappresaglia degli studenti.

Altre Notizie