Lunedi, 03 Agosto, 2020

M5s: è il giorno del matrimonio tra Renzi e Verdini

Denis Verdini ospite a 'Porta a Porta' M5s: è il giorno del matrimonio tra Renzi e Verdini
Evangelisti Maggiorino | 29 Febbraio, 2016, 08:02

Continuo a pensare che si poteva e doveva andare in Aula e difendere integralmente le nostre idee. Sempre lo stesso anno abbandona Forze Italia e dichiara di voler difendere il governo di Renzi.

Il presidente del Consiglio però sa bene che la fiducia è un voto ben diverso da quelli già dati in precedenza da Ala, la formazione dell'ex braccio destro di Silvio Berlusconi, ad alcuni provvedimenti del governo.

Bersani, Speranza, Cuperlo paventano la nascita del Partito della nazione ipotizzato da Renzi. Due persone dello stesso sesso si uniscono, un Dio neanche lontanamente contemplato, la fedeltà coniugale non esiste (figurarsi, volevano anche permettere l'adozione...), intanto il dindarolo dei voti si riempie, le aziende fuggono, la produzione stagna, il degrado, in lungo e in largo, aumenta, le statue si coprono, il Ministro e vice Ministro dell'Interno sono indagati e per i ventotto/trentenni prendere un mutuo, fare un figlioletto è quasi un sogno; i ladri entrano in casa e, fintanto che non lo fanno a mano armata escono di galera dopo due giorni - e se li becchi, gira che ti rigira, fai la fine di Ermes Mattielli - le tasse aumentano, i droni partono, il nemico ascolta, le partite iva s'impiccano, io sarò banale ma tutto lo stivale è ammantato da tanto ammmore arcobaleno. Il governo dunque si difende, nega che i voti di Verdini siano determinanti e, soprattutto, che la maggioranza politica sia mutata.

Sarebbe forse il caso di spiegare la legge passata ieri.

Verdiniani: voteranno compatti la fiducia - I verdiniani voteranno compatti la fiducia al governo sulle Unioni civili. Favorevoli alla legge 173.

Sei gli assenti: Albertini, Di Biagio, Esposito, Formigoni, Marinello e Sacconi, tutti contrari alle unioni civili. "Per questo vogliamo che si vada a una discussione seria e profonda, aprendo la stagione congressuale". Ma ci vuole un leader che guidi questa area, con tanti piccoli leader non si costruisce niente. Non credo di dover spiegare "adoption". Nelle parole di Visco, governatore di Bankitalia, si riflettono i giudizi negativi che vengono dalle istituzioni bancarie delle altre capitali europee. Nelle coppie formate da due uomini sarebbe potuto accadere che uno dei due avrebbe potuto affittare un utero da una donna (pagandola) e farle portare a termine una gravidanza in conto terzi. E così il capogruppo di Forza Italia chiama in causa addirittura il Quirinale, affinché fotografi il nuovo stato delle cose: "Oggi con il voto del gruppo di Verdini", dice, "cambia la maggioranza". La Chiesa italiana - senza l'appoggio convinto del Papa - ci ha costruito su una battaglia. Il Pd, se sarà compatto, può contare su 111 sì.

Qualcuno si attende quindi che potrebbe intestarsi lui un No alla fiducia lasciando tuttavia gli altri 18 senatori del gruppo votare liberamente a favore. Renzi s'è dovuto rassegnare, e toglierla dal provvedimento. Affossare la legge come hanno rischiato di fare i Cinquestelle che ne hanno fatto una questione procedurale contro il canguro (soppressivo degli emendamenti, ndr) o mandare avanti la legge? Il movimento lgbt (lesbiche gay bisessuali transgender) ha indetto una manifestazione a Roma per il 5 marzo.

Ap, insomma, ci sarà: Renato Schifani assicura che il suo gruppo è "soddisfatto" anche se una manciata di senatori Ncd potrebbe non votare invocando la "libertà di coscienza".

Altre Notizie