Mercoledì, 19 Giugno, 2019

Primarie Usa: trionfo di Hillary Clinton (73,5%). Stracciato Bernie Sanders (26%)

Bernie Sanders e Hillary Clinton i due candidati alla nomination democratica Bernie Sanders e Hillary Clinton i due candidati alla nomination democratica
Evangelisti Maggiorino | 28 Febbraio, 2016, 20:01

L'America non ha mai perso la sua grandezza", ha dichiarato.Snocciolando le sue proposte per sostenere le minoranze nei settori dell'istruzione e del lavoro, l'ex segretario di stato ha assunto toni populistici quando ha attaccato le aziende che "abusano dei loro dipendenti e sfruttano i loro consumatori"."So che può apparire un po' strano, in questo momento, ascoltare una candidata alla presidenza che afferma che ci vuole più amore e gentilezza in America. A Columbia, l'x first lady è sola: Bill sta andando a fare campagna in Florida; Chelsea, incinta, festeggia il compleanno, prima di riprendere il posto in campagna a fianco della mamma. Secondo gli strateghi elettorali, tuttavia, anche nella migliore delle ipotesi la matematica è contro Sanders: difficilmente riuscirà a portare a casa più di un terzo dei delegati complessivamente messi in campo. "Ma, dal profondo del mio cuore, vi assicuro che ne abbiamo bisogno", ha sottolineato.Bernie Sanders ha immediatamente riconosciuto la sua sconfitta. Intanto, in California, torna a manifestarsi con un raid il Ku Klux Klan, che ha dato allo showman un endorsement non desiderato (e subito respinto). Sanders viaggia con medie alte tra gli elettori bianchi e con un livello d'istruzione elevato, il classico elettorato liberal, ma appare molto debole tra la classe media, decisiva per la conquista della nomination. Ha ricordato Rosa Parks, Martin Luther King Jr e John Lewis parlando di "razzismo sistemico" in America. I seggi hanno chiuso alle 19.00 ora locale e la volata di Hillary e' stata anticipata dopo pochi secondi.

Il Primo marzo in scena il Super-martedì - Quarantotto ore di pausa e poi si torna in scena. Martedì si fa sul serio con il "supertuesday". Le speranze di Sanders si concentrano invece su Colorado, Minnesota, Massachusetts, Oklahoma e Vermont, a maggioranza bianca e dove storicamente è più facile che siano stati eletti progressisti.

Dopo la vittoria, Clinton sembrava guardare avanti, anticipando la sfida finale, quella dell'8 novembre per la Casa Bianca, con il repubblicano che tutti danni favorito: Donald Trump.

Altre Notizie