Martedì, 20 Agosto, 2019

Facebook e il virus dei Ray-Ban: ecco come proteggersi

Facebook attenzione al nuovo virus degli occhiali Ray-Ban ecco come difendersi Facebook e il virus dei Ray-Ban: ecco come proteggersi
Acerboni Ferdinando | 31 Dicembre, 2015, 14:30

E' questo il caso di un virus che già da diversi anni, in diversi periodi dell'anno, ricompare su Facebook, e che sfrutta il nome del popolare marchio Ray-Ban per trarre in inganno gli utenti ignari.

L'evento Facebook "L'attività di beneficenza dei Ray-Ban dell'Italia" ha avuto un incremento di impression nelle ultime settimane.

In sostanza, occhiali Ray Ban vengono offerti a soli 20 euro, di cui il 50% verrà devoluto in beneficenza. Probabilmente gli amanti dello shopping a prezzi stracciati ci cascano sempre, però c'è una regola sempre valida, soprattutto in tempi di magra come questi: "Ogni oggetto ha il suo valore!". Il sito infatti ci richiede l'inserimento dei dati della carta di credito per procedere all'acquisto dei Ray-Ban scontati e il finale ve lo lasciamo immaginare. In soldoni, quest'ultimo è un malware seccante e pericoloso che infetta non solo Facebook ma anche numerosi siti web, inserendo pagine fake per la vendita degli occhiali Ray Ban a basso costo.

Facebook e il virus dei Ray-Ban: ecco come proteggersi

ATTENZIONE A FORNIRE I DATI DELLE PROPRIE CARTE - Nell'eventualità in cui la truffa riuscisse a raggiungere il proprio obiettivo, quello di prelevare dei soldi dal vostro conto, è necessario tentare di bloccare repentinamente la propria carta.

Chi dovesse venire a conoscenza di essere infetto dal "virus dei Ray-Ban", è bene che per prima cosa proceda a modificare la propria password di Facebook, per poi ripulire la propria bacheca dai post sospetti. Purtroppo non basta una semplice scansione antivirus per risolvere il problema, infatti dovete controllare i componenti aggiuntivi installati nel browser ed eliminare quelli sconosciuti.

Per difendersi è fondamentale non accettare nessuna notifica da parte dei vostri amici che vi invitano a cliccare sull'asta di beneficenza degli occhiali e comunicare subito allo stesso che il proprio profilo Facebook potrebbe essere stato compromesso.

Altre Notizie