Mercoledì, 13 Novembre, 2019

Reggio Calabria, arrestato sacerdote per prostituzione minorile

Reggio Calabria, arrestato sacerdote per prostituzione minorile Reggio Calabria, arrestato sacerdote per prostituzione minorile
Evangelisti Maggiorino | 18 Dicembre, 2015, 16:41

Si tratta di un sacerdote di 44 anni, oggi arrestato dalla squadra mobile di Reggio Calabria per prostituzione minorile, sostituzione di persona, detenzione di materiale pedopornografico e adescamento di minorenni. Ai magistrati il minorenne riferì inoltre di aver ricevuto la somma di 20 euro per un rapporto sessuale consumato in macchina poco prima che i poliziotti li controllassero.

Le indagini sono iniziate qualche mese fa.

La Squadra Mobile di Reggio Calabria lo ha tratto in arresto a seguito di una lunga indagine che aveva avuto inizio nel marzo scorso, quando dopo una segnalazione il religioso fu sorpreso in auto con un ragazzino minorenne, in un luogo decisamente appartato. Il minore riferiva di aver conosciuto l'uomo in una chat per incontri omosessuali. Aveva aggiunto che l'uomo con il quale era stato controllato e con il quale si era sentito in precedenza diverse volte, gli aveva riferito che era un ricercatore scientifico di un paese della Piana di Gioia Tauro di 35 o 38 anni. I due si erano scambiati i numeri di telefono, e tramite Whatsapp, si erano messi d'accordo per vedersi successivamente. I primi accertamenti effettuati dalla Squadra mobile hanno consentito di riscontrare che la persona con cui il minore aveva consumato un atto sessuale era un sacerdote di una parrocchia della Piana di Gioia Tauro.

Dall'attività investigativa è emerso, tra l'altro, che il "religioso" utilizzava falsi nomi e diceva di svolgere professioni diverse da quella effettiva. Il prete, infine, è stato trovato in possesso di materiale pedopornografico che aveva acquisito chattando su Grinder. Il religioso è stato rintracciato presso la canonica della parrocchia ove esercitava il suo ministero ed al termine degli adempimenti di rito veniva condotto in carcere a disposizione dell'Autorità giudiziaria di Reggio Calabria.

Al sacerdote è stata notificata un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal giudice per le indagini preliminari del tribunale di Reggio Calabria che ha accolto la richiesta della Procura della Repubblica.

Altre Notizie