Domenica, 13 Ottobre, 2019

Banche: Renzi, non accettiamo lezioni di trasparenza

Renzi voto in 2018 vinco elezioni e dopo due giri vado a casa Banche: Renzi, non accettiamo lezioni di trasparenza
Evangelisti Maggiorino | 17 Dicembre, 2015, 02:37

Quanto alla Boschi "il tema e' se c'e' conflitto d'interessi e per noi e' un'accusa completamente falsa". "Ho difeso altri ministri che erano in situazioni di accuse che a me sembravano non giustificate e ritengo anche adesso che vada difeso il ministro Boschi". "Loro vogliono solo attaccarci, è l'ennesimo tentativo di trasformare il dibattito parlamentare in uno show", ha sottolineato.

Riguardo alla mozione di sfiducia presentata nei confronti di Maria Elena Boschi, Matteo Renzi ha detto: "Noi volevano votare subito, ma andremo alla settimana prossima". Il premier ha rivendicato l'azione del governo e il decreto con il quale le quattro banche in crisi sono state salvate tramite l'operazione di risoluzione che, però, ha coinvolto azionisti ed obbligazionisti. Se non c'è, è evidente che la mozione sarà respinta. E sulla vicenda Boschi ribadisce: "Se c'e' un conflitto di interessi, allora io dico è bene che il ministro Boschi si dimetta". E' ovvio che chi ha truffato dovrà pagare, per questo motivo diverse procure hanno già aperto molti fascicoli con numerose ipotesi di reato a carico degli ex-vertici delle banche. L'importo è comunque notevolmente inferiore ai soldi che sono stati bruciati per il salvataggio delle quattro banche, quindi, soltanto una parte dei risparmiatori potrà ottenere un rimborso parziale dei propri soldi. Quando, ancora non si sa. Ma il problema e' che non e'detto che la vicenda giudiziaria non si allarghi.

In particolare, dopo il suo intervento a Porta a Porta di ieri, stamattina a Radio RTL Renzi ha risposto alle accuse dell'ex premier Enrico Letta che ieri sera in diretta su La7 durante la trasmissione Di Martedì dichiarava: "Renzi ha usato due pesi e due misure, una specie di moralità a intermittenza". A questo proposito Renzi ha detto "Noi abbiamo mandato a casa l'intero cda in cui c'era il padre di Boschi. Ecco perché oggi propongo al Parlamento un approccio, quello italiano, che vogliamo mettere a disposizione dei colleghi europei per avere non solo una reazione per ciò che è accaduto ma anche una visione".

Altre Notizie