Sabato, 10 Aprile, 2021

Consigliera M5S offende vittima del Montanara. Si dimette

Consigliera M5S offende vittima del Montanara. Si dimette Consigliera M5S offende vittima del Montanara. Si dimette
Evangelisti Maggiorino | 12 Dicembre, 2015, 22:31

"Il femminicidio costituisce una piaga dolorosa e inaccettabile: trovo allucinante che una delle delegate del sindaco M5S di Civitavecchia abbia scritto un post su Facebook dove giustifica questo fenomeno deprecabile, inneggiando al contempo al razzismo". "Non voglio vedere il suo nome nella lista delle 'martiri' - scrive Lau -. Se fosse sopravvisuta l'avrei insultata".

Domenica scorsa Alessia Della Pia è stata trovata morta davanti al portone d'ingresso di un condominio Acer nel quartiere Montanara a Parma. Per esempio qualche tempo fa aveva scritto sulla sua città che "a Civitavecchia c'è la mafia che non spara, quella più subdola, quella che ha profonde radici, quella difficile da estirpare". Il 67% ha voluto il cambiamento, cittadini di tutte le forze politiche, cittadini onesti, poi c'è il 37% di persone che con la politica marcia ci hanno mangiato, ci mangiano e ci mangeranno con la forchetta d'oro. L'ha massacrata di botte il convivente di 26 anni, Mohamed Jella, un tunisino con precedenti penali che ora è ricercato. Il post del consigliere comunale M5s ha scatenato - come era lecito aspettarsi - un'ondata di indignazione in rete sul tema del rispetto delle vittime del femminicidio.

Rosanna Lau, esponente del M5s a Civitavecchia, si è dimessa.

La delegata del sindaco di Civitavecchia non è nuova ad esternazioni del genere.

E' di nuovo bufera su Rosanna Lau, la delegata del mercato già in passato oggetto di feroci critiche delle opposizioni, prima per aver volgarmente apostrofato su Facebook una rappresentante dell'opposizione e poi per non aver pagato una multa conseguente al mancato possesso del biglietto sul pullman urbano. Sempre via Facebook, anche il suo sindaco Antonio Cozzolino si è distaccato sia dai contenuti che dai toni della delegata. "La violenza è sempre da condannare, a prescindere dal colore e dalla razza di coloro che la commettono". "Chi avvalla la violenza sulle donne - prosegue la parlamentare - deve essere allontanato dalle istituzioni, a cui spetta il compito di dare messaggi educativi".

Altre Notizie