Lunedi, 14 Ottobre, 2019

Trapianto utero per gravidanza maschile una realta tra 10 anni

Gonzalo-Merat-CC Gonzalo-Merat-CC
Machelli Zaccheo | 07 Dicembre, 2015, 16:00

A parlare di gravidanze maschili è la dottoressa Karine Chung, direttrice del programma di conservazione della fertilità presso la University of Southern California's Keck School of Medicine: "La mia ipotesi è che tra cinque, dieci anni o forse prima, anche per gli uomini sarà possibile portare a termine una gravidanza e partorire". "Oggi, i progressi della medicina permettono alle donne transgender di regolare la loro biochimica sopprimendo gli ormoni maschili e introducendo quelli femminili, avere dei seni che permettono di allattare e vagine costruite chirurgicamente" afferma la dottoressa Chung.

Negli uomini, secondo gli scienziati, il trapianto di utero è più difficile a causa del legamento pelvico, vascolare, della costruzione di vagina e della cervice.

Lo ha rivelato la Cleveland Clinic negli Stati Uniti, annunciando di voler iniziare a fare dei trapianti di utero nelle donne nate senza utero o il cui utero è stato rimosso o non funziona. A sostenerlo è un gruppo di medici della Cleveland Clinic, a Cleveland, nell'Ohio, che avrebbe addirittura avviato una selezione di candidati possibili per la sperimentazione clinica.

Ora con il trapianto dell'utero il luogo è stato trovato e quindi la gravidanza maschile nel giro di pochi anni potrebbe diventare realtà.

Un uomo col pancione pronto a partorire. "Gli autori dicevano che, a parte le difficoltà di tipo tecnico e medico, non vedevano nessun motivo etico per respingere l'idea di eseguire un trapianto di utero in un paziente maschio e spiegavano che un paziente maschio che desideri fare l'esperienza della gravidanza ha il diritto a poterla fare". Secondo Arthur Caplan, direttore di etica medica presso la NYU School of Medicine, il trapianto di utero negli uomini non è una necessità sentita dalla comunità e poi i costi sarebbero altissimi "e scarse le risorse economiche a disposizione". "Certo è che gli uomini, rispetto alle donne, non hanno nessuno di questi sistemi di supporto, ma non sono impossibili da creare. Probabilmente nei prossimi anni, qualcuno riuscirà a capire come risolvere questi problemi e rendere possibile la gravidanza maschile".

Altre Notizie