Martedì, 16 Luglio, 2019

Doping: Russia accetta sospensione Iaaf

Doping: Russia accetta sospensione Iaaf Doping: Russia accetta sospensione Iaaf
Cacciopini Corbiniano | 26 Novembre, 2015, 17:45

Un breve estratto dell'intervista è stato riportato stamani da La Gazzetta dello Sport: "Non credo che contro il doping otterremo mai un successo definitivo, ci saranno tante piccole e ferme vittorie". Pound spiega la cautela sul rilascio del secondo "capitolo" del rapporto Wada.

La Federatletica russa ha accettato la sospensione a tempo indeterminato da tutte le competizioni decisa dalla Iaaf il 13 novembre dopo l'inchiesta della Wada sul doping. "'. È il completo tradimento di ciò che dovrebbero fare quanti sono incaricati di governare lo sport".

Giovedì a Montecarlo è in programma una delle riunioni della Federazione internazionale di atletica più attese degli ultimi anni. "Noi, invece, vogliamo che l'impatto sia forte". "Più probabile sarà a gennaio".

"Lo trovo offensivo. Abbiamo un principio abbastanza semplice nello sport ed è quello che ci sono delle regole: questo è il gioco, questo è come lo giochi, questo è quello che puoi fare e questo quello che non puoi fare" continua Pound, che poi guarda alle indagini che riguardano l'atletica.

IAAF - Un altro pesante fardello finisce quindi sulle spalle di Lord Seb Coe, neopresidente Iaaf e già nell'occhio del ciclone per il discusso rapporto di consulenza con la Nike. Riemerge quindi la questione del conflitto di interessi, sollevata a suo tempo dal presidente del comitato per la candidatura della città svedese, Bjorn Eriksson, l'ex-capo dell'Interpol. La Iaaf aggiunge che i russi "coopereranno pienamente e attivamente" con gli ispettori per cercare di essere reintegrati. Il presidente Kiplagat viene accusato di aver trascinato nel fango l'atletica keniana, fino al punto di rischiare di incorrere in una squalifica collettiva tipo Russia. Il portavoce del ministero dello Sport, Richard Ekai, ha detto che "procederemo subito a rivedere le attuali norme della Ak per renderle conformi alla Costituzione e allo Sport Act 2013. Abbiamo, inoltre, chiesto all'associazione degli atleti professionisti keniani (Paak) di presentare un memorandum di criticità da sottoporre al Ministro dello Sport la prossima settimana".

Altre Notizie