Lunedi, 17 Dicembre, 2018

Ecatombe in Cina a Tianjin 112 Morti e 95 Dispersi

Cacciopini Corbiniano | 25 Agosto, 2015, 23:38

Intanto i familiari dei vigili del fuoco dispersi, intervenuti dopo l'esplosione e l'incendio che ne è scaturito, hanno interrotto una conferenza stampa delle autorità, chiedendo notizie riguardo ai propri parenti scomparsi da alcuni giorni. Purtroppo questo numero è destinato a peggiorare, dato che ci sono ancora 95 dispersi.

A luglio una esplosione ha devastato un impianto chimico a Nanchino, innescando l'esplosione a catena di tre cisterne cariche di sostanze chimiche nelle vicinanze.

Le autorità cinesi smentiscono categoricamente questa ipotesi. I feriti ancora in ospedale sono centinaia, circa 60 dei quali sono in condizioni gravi. Le esplosioni hanno danneggiato 17mila famiglie, 1.700 imprese e 675 centri commerciali.

Dov'è successo. Le esplosioni sono avvenute in un magazzino di proprietà dell'azienda Tianjin Dongjiang Port Ruihai International Logistics, specializzata nel gestire "materiali pericolosi". I dirigenti dell'azienda sono stati arrestati. Secondo Bao, 700 tonnellate di cianuro di sodio sono state trovate intatte. L'agenzia ufficiale Xinhua si giustifica accusando tali portali di seminare panico pubblicando informazioni false o non verificate, citando siti che parlavano di oltre mille vittime e di supermercati saccheggiati, ad esempio. Le autorità stanno ora cercando di bonificare la zona in quanto la sostanza è altamente tossica e può formare un gas infiammabile a contatto con l'acqua.

Ieri a Tianjin ha piovuto e molti cittadini cinesi hanno postato le foto degli effetti della pioggia su internet, attraverso le reti sociali (molte immagini sarebbero state censurate).

Altre Notizie